Sapevi che le stromatoliti hanno 3,7 miliardi di anni? - turboNews
Vai al contenuto
Home » Sapevi che le stromatoliti hanno 3,7 miliardi di anni?

Sapevi che le stromatoliti hanno 3,7 miliardi di anni?

0

L’argomento della vita sulla terra è sempre stato molto discusso, ma a fare chiarezza e darci una risposta definitiva arrivano le stromatoliti. Queste ultime, infatti rappresentano la forma di vita terrestre più antica, con un’età di 3,7 miliardi di anni.

Le stromatoliti si possono trovare sotto forma di strutture sedimentarie come rocce calcaree, che si sono formate grazie all’attività di microorganismi fotosintetici quali cianobatteri o alghe azzurre.

In termini tecnici è corretto dire che stiamo parlando di colonie di microrganismi unicellulari marini. Tramite la fotosintesi clorofilliana, infatti, questi microrganismi producono un muco fangoso e grazie alla sedimentazione e alla stratificazione danno origine a una roccia viva “animata”.

Questa roccia continua a modificarsi e a crescere con il passare degli anni, ecco perché possiamo definirla viva. Le stromatoliti, infatti, hanno predominato sull’ambiente marino per moltissimi anni finché, anche grazie all’ossigeno da loro prodotto, arrivarono degli organismi più evoluti.

Ad oggi è possibile osservare la presenza di queste rocce calcaree in moltissimi posti come Australia, Golfo Persico, Florida e Bahamas. In Italia è possibile trovarne alcune in Sardegna o sulle Alpi e Appennini.

Risulta piena di stromatoliti anche la Laguna di Bacalar in Messico e in moltissimi altri ambienti lacustri di acqua dolce.

Leggi:  Pulizia e igiene della cassetta della posta ai tempi del Covid

 

Caratteristiche principali delle stromatoliti

Le stromatoliti sono fondamentali per la vita terrestre e, come abbiamo già detto in precedenza, è grazie a loro che probabilmente si deve la vita dei microrganismi aerobici.

Si crede, inoltre, che la loro attività fotosintetica abbia aiutato anche la formazione di un’atmosfera ricca di ossigeno; è possibile dedurre da questo che la nostra vita dipenda da loro.

Per fare una breve sintesi possiamo dire che:

  • Sono strutture rocciose formate da cianobatteri dette anche strutture sedimentarie organiche perché derivano dalle attività metaboliche di questi microrganismi.
  • Possono presentare sulla superficie altre forme di vita come: funghi, insetti, crostacei e alghe unicellulari, a seconda del luogo in cui si trovano.
  • La struttura rocciosa è composta da calcare e dolomite.
  • La luce solare è fondamentale per la loro formazione e crescita, proprio come le piante.
  • Lo strato più esterno, quindi quello visibile all’occhio umano, è il più giovane.
  • Crescono e nascono molto lentamente, quindi quelli che troviamo generalmente hanno centinaia o migliaia di anni.
  • Vivono in acque poco profonde e crescono sul terreno, sono molto sensibili ai cambiamenti climatici e all’inquinamento.

Perché le stromatoliti sono così importanti?

Le stromatoliti sono considerate gli ecosistemi più antichi del nostro pianeta. In Australia, per la precisione a Shark Bay, è possibile osservare i primi antenati delle rocce calcaree.

Leggi:  Nascita Principi Contabili Internazionali

L’importanza di queste rocce calcaree sta proprio nella loro capacità fotosintetica di produrre l’ossigeno necessario alla sopravvivenza di tutti gli animali e altri organismi presenti sulla biosfera.

Nonostante le stromatoliti abbiano una struttura relativamente semplice, risultano fondamentali in biologia, geologia e anche in astronomia, grazie alle informazioni che è possibile reperire tramite il loro studio.

Grazie allo studio delle stromatoliti, infatti, è possibile venire a conoscenza di moltissime cose come per esempio:

  • Le condizioni originali di un ambiente, soprattutto per quanto riguarda la quantità di sale e altri materiali di deposito.
  • Si possono identificare i luoghi dove prima c’era attività biologica.
  • Possono determinare l’età di un determinato ecosistema.
  • Disegnano la linea di costa precedente.
  • Si può determinare il tempo di origine di alcuni microrganismi come le alghe e la formazione delle comunità biologiche.
  • È possibile comprendere il tasso di accumulo di sedimenti in determinati luoghi.
  • Inoltre, è possibile scoprire che aspetto hanno i fossili intrappolati nelle stromatoliti.
Leggi:  iPhone: presenza di liquidi all'interno del connettore

 

Le conclusioni sulle stromatoliti

Da tutto ciò che abbiamo precedentemente detto si può dedurre facilmente che dietro alle stromatoliti, o per meglio dire al loro interno, c’è davvero un mondo tutto da scoprire.

La nascita della vita sulla terra può essere determinata tramite uno studio più approfondito, ma degli studi recenti sulla Dresser, un antico sistema idrotermale presente nella cupola del Polo Nord, potrebbero aiutare a capire meglio la storia della vita su Marte.

Questo è possibile perché i depositi delle stromatoliti presenti appunto sulla Dresser hanno all’incirca la stessa età delle rocce più antiche trovate su Marte. Infatti, se mai si dovessero trovare delle strutture simili sul pianeta rosso, lo studio delle stromatoliti ci fornirebbe la certezza esatta sulle sue origini.

Se vuoi conoscere altre curiosità scientifiche o semplicemente leggere un altro articolo ti basterà cliccare qui.

Veronica Mazzucco è nata a Roma il 12/10/1990. Da sempre appassionata alla lettura e alla scrittura di cui ne ha fatto un vero e proprio lavoro. Nomade digitale dal 2020 in giro per il mondo.