Home » Netflix, ritocca i prezzi per gli abbonati italiani

Netflix, ritocca i prezzi per gli abbonati italiani

turboNews

Notizia delle ultime ore, Netflix ritocca i prezzi per gli abbonati italiani di due principali tipologie di abbonamento. Infatti aumenterà il pacchetto standard che da 11,99€ passerà a 12,99€ e il premium che da 15,99€ salirà a 17,99€. Resta comunque invariata la tariffa base per un costo di 7,99€.

Per il colosso dello streaming è il terzo aumento dal lontano 2015, data in cui è sbarcato in Italia, il primo aumento è infatti avvenuto nel 2017 mentre il secondo a giungo del 2019.

L’unica tariffa che Netflix non ha mai aumentato è stata quella dell’account base dove però è possibile la visione di film, serie e documentari su uno schermo alla volta e senza alta definizione. La stessa cosa sta per avvenire in questo terzo rialzo dei prezzi come abbiamo potuto verificare da fonti attendibili.

Un portavoce di Netflix dichiara che l’aumento è dato dal fatto che la piattaforma viene continuamente migliorata per permettere all’utente un’esperienza di qualità. L’aumento della tariffa, inoltre, rifletterebbe anche l’incremento di Netflix film, serie tv e show che la piattaforma mette a disposizione degli abbonati.

Andando comunque a vedere nel dettaglio quali sono le principali differenze tra i vari tipi di abbonamento. Come abbiamo già detto, il piano base, nonché il più economico, permette la riproduzione della piattaforma su un solo schermo senza usufruire dell’alta definizione.

Leggi:  L'arte del Presepe ai tempi del Covid

Il piano standard che ormai da qualche ora è salito a 12,99€ consente la visione su due schermi con una risoluzione in Full HD.

 

Il piano premium, invece, è il più costoso ma da possibilità di visualizzare la piattaforma su quattro schermi con una risoluzione ultra HD e 4K.

 

Non hai ancora ricevuto notizia dell’aumento?

Si è vero che Netflix ha messo mano ai suoi prezzi, ma i primi ad accorgersi dell’aumento sono i nuovi abbonati. Mentre tutto il resto degli utenti già presenti sulla piattaforma inizieranno a ricevere una notifica tramite e-mail o all’interno dell’app a partire dal 9 ottobre.

Nessuno risulta felice di questo aumento, ma, secondo Netflix e a detta del suo portavoce, la scelta dell’aumento starebbe nei miglioramenti tecnologici apportati alla piattaforma.

Come molti hanno notato il colosso è diventato anche più made in Italy inserendo serie tv e allargando il catalogo Netflix film prodotti proprio in Italia.

Queste sono state le motivazioni riguardanti l’aumento dei prezzi, rilasciate dal portavoce della piattaforma streaming.

Leggi:  Capitale italiana della cultura 2022: le dieci città ancora in gara

Inoltre le modifiche apportate alla piattaforma sono visibili già da qualche tempo come per esempio il tasto Riproduci qualcosa. Questa funzione infatti è progettata per aiutare l’utente a trovare qualcosa da vedere più facilmente.

Il Parental control che permette ai genitori di gestire la selezione proposta dalla stessa piattaforma, in base ai contenuti ritenuti adatti a tutta la famiglia.

La Top 10 sui profili kids dove si può trovare una selezione di film adatta sia a grandi e piccini per poter avvicinare il nucleo familiare.

Infine, lo Smart download, questa funzione permette agli abbonati di avere sempre a portata di smartphone tutti i contenuti che possono essere visualizzati anche offline, ottime per i lunghi viaggi.

 

Conclusioni sugli aumenti del nuovo Netflix abbonamento

Abbiamo ormai spiegato le varie motivazioni per cui questi abbonamenti stanno avendo un aumento ma c’è una cosa a cui moltissime persone non pensano. Se una persona non ha un televisore ultra HD, Full HD o 4K la risoluzione sarà molto bassa.

Di conseguenza da questo nostro ragionamento ne deriva che, se sei un’utente che vuole un’alta risoluzione non dovrai farti un abbonamento Netflix con queste caratteristiche.

Leggi:  Nascita Principi Contabili Internazionali

La prima cosa che dovrai fare, infatti, è comprare un televisore che presenti queste caratteristiche, altrimenti stai pagando un abbonamento a vuoto. La risoluzione non la fa la piattaforma streaming ma l’apparecchio da cui quest’ultima viene aperta.

Inoltre sono poche le persone che conoscono realmente la differenza tra l’abbonamento standard e quello premium. Di conseguenza se vuoi risparmiare sul tuo abbonamento prova a valutare le tue priorità.

In ogni caso l’aumento degli abbonamenti è stato già modificato dal 2 ottobre per i nuovi utenti per tutte le persone già abbonate l’aumento vero e proprio avverrà solo al termine del ciclo di questo mese. Quindi hai ancora un mese per rivalutare il tuo piano di abbonamento.

Se vuoi conoscere altre notizie che riguardano l’attualità e quello che sta accadendo nel mondo in queste ore clicca qui.

Veronica Mazzucco è nata a Roma il 12/10/1990. Da sempre appassionata alla lettura e alla scrittura di cui ne ha fatto un vero e proprio lavoro. Nomade digitale dal 2020 in giro per il mondo.