Home » La tricopigmentazione: cos’è e come funziona

La tricopigmentazione: cos’è e come funziona

La tricopigmentazione è una moderna tecnica di camouflage della calvizia che si presta a differenti tipi di anomalie del cuoio capelluto. Questo trattamento è reversibile, ipoallergenico e biocompatibile e, per tali motivi, adatto a quasi tutti i tipi di pelle.

È importante comprendere fin dall’inizio la differenza tra tricopigmentazione e tatuaggio per capelli in quanto sono due tecniche completamente differenti per molti aspetti tra i quali:

  • strumentazione
  • aghi
  • pigmento
  • tecniche di esecuzione
  • competenze dell’operatore

In questo articolo si cerca di fare chiarezza sul mondo della tricopigmentazione analizzandone i benefici e le tecniche di esecuzione. Il fine ultimo è quello di rendere questo nuovo trattamento molto più trasparente agli occhi di vorrebbe usufruirne.

 

Quando si può effettuare la tricopigmentazione

La tricopigmentazione fa parte di un ramo della micropigmentazione che si occupa specificatamente del cuoio capelluto. Si può ricorrere a questo trattamento in molti casi, sia per coprire eventuali buchi lasciati dall’alopecia, sia per ricostruire esteticamente tutto il disegno dei capelli con un “effetto rasato”.

Occupandosi di risolvere date anomalie della pelle soltanto a livello estetico, la tricopigmentazione non ha bisogno di particolari cure giornaliere, una volta effettuato il trattamento. I risultati, inoltre, sono immediati e non presentano nessun tipo di cicatrice.

Leggi:  L'esperienza dell'utente: ecco cosa si intende

A livello pratico, la tricopigmentazione, non comporta alcun fastidio e non limita in nessun modo la quotidianità di chi se ne avvale.

 

Diversi trattamenti di tricopigmentazione

A seconda delle necessità di una persona, e del tipo di anomalia della pelle che presenta, è possibile effettuare un diverso tipo di trattamento di tricopigmentazione. Di seguito vengono elencate ed analizzate una per una le differenti tipologie di trattamenti che offre questa tecnica innovativa anti-calvizia.

 

Effetto densità

Questo tipo di applicazione viene consigliato nel caso in cui, sia nella donna che nell’uomo, ci sia un diradamento dei capelli da lieve a medio livello. L’effetto finale è quello di una ricrescita del capello (a livello estetico) che va a coprire la trasparenza creatasi in uno o più punti della testa.

 

Effetto rasato

L’effetto rasato è il risultato più ambito e più richiesto durante tutte le consulenze di tricopigmentazione. Questa tecnica è molto versatile in quanto si adatta alla ricostruzione estetica del capello indipendentemente dal livello o dal grado di alopecia.

Leggi:  Requisiti di Brevettabilità

Viene effettuato indistintamente in tutte le zone della testa ed è inoltre molto richiesto anche per la copertura delle cicatrici. Tra tutti, l’effetto rasato, è quello che risulta più naturale e più realistico.

 

Effetto ibrido

L’effetto ibrido è effettivamente quello che adotta entrambe le tecniche utilizzate per ottenere l’effetto rasato e l’effetto densità. Con questo modus operandi si cerca di dare al cliente una maggiore densità rispetto a quella che si ottiene con l’effetto rasato ed una maggiore definizione rispetto all’effetto densità.

I soggetti a cui viene raccomandato questo trattamento sono in genere quelli che hanno i capelli di una lunghezza media di uno o due centimetri.

 

Copertura delle cicatrici

Il trattamento di copertura delle cicatrici è molto utilizzato da chi subisce operazioni chirurgiche sul cranio. Questa tecnica di camouflage riesce a mascherare senza nessun artificio l’aspetto estetico della cicatrice e la differenza di pelle con il resto del cuoio capelluto.

Leggi:  La nascita del Bitcoin e le evoluzioni della Blockchain

È perfetto per essere utilizzato sia in caso di capelli lunghi, sia in caso di capelli rasati.

 

La tricopigmentazione correttiva

La tricopigmentazione correttiva è quella che va a intervenire sugli interventi precedenti mal riusciti. Questo tipo di intervento è molto più complicato di un normale trattamento in quanto bisogna intervenire non su un’anomalia standard della pelle ma su una artificiale.

Per evirare di sottoporsi ad un tipo di trattamento di questo genere, è sempre consigliato rivolgersi ad un professionista del settore, con studi e qualifiche dimostrate.

Per eventuali aggiornamenti su novità e curiosità sul mondo dell’estetica è possibile consultare il blog di turbonews.

Veronica Mazzucco è nata a Roma il 12/10/1990. Da sempre appassionata alla lettura e alla scrittura di cui ne ha fatto un vero e proprio lavoro. Nomade digitale dal 2020 in giro per il mondo.