Home » Intervista ad Aigor – lo spacciatore d’arte NFT

Intervista ad Aigor – lo spacciatore d’arte NFT

0

Continua la collaborazione con NFT Italia Network, turboNews e Hoken Tech ed oggi abbiamo intervistato l’artista e tatuatore Aigor, ed esploreremo insieme il suo percorso da artista e di esploratore di mondi tecnologici con la blockchain.

Pronti a tatuarvi i suoi NFT sulla vostra pelle?

turboNews Crypto

 

Al via le presentazioni, in rete sei conosciuto come “Aigor, lo spacciatore d’arte” ma tu sei in realtà?

Mi chiamo Igor, in arte Aigor, nasco come tatuatore nel 2009, anche writer e sono un appassionato di arte, ed il mio background deriva proprio dai muri, ed anche grazie a mio padre, che mi permesso anche di farmi una buona gavetta.

 

Ci puoi raccontare la tua esperienza all’Art Expo Tarquinia ed il premio Michele Cea?

In quarantena, nel 2020, in piena pandemia ho avviato questo progetto “Tutta un’altra storia” , in cui reinterpreto i dipinti del rinascimento e li interpreto in base alle mie esperienze ed i pezzi parlavano da soli, tanto che ho ricevuto diverse richieste per fare mostre gallerie, anche se non vedo di buon occhio le esposizioni.
E nel concorso Art Expo Tarquinia, ho partecipato ed ho vinto con la mia opera “The Business Man”, una rappresentazione digitale di un Cristo, opera che è stata stampata in fineart ed in una artbox, opera esposta in diversi posti, anche alla biennale di Spoleto.

 

Leggi:  La differenza tra Token e Criptovalute

Dietro gli NFT c’è una tecnologia ed un ecosistema, le crypto e la blockchain, quale è stato il tuo primo approccio a questo mondo?

Sono partito da curioso, ed infatti non investo molto e voglio che tutto il progetto si pagasse da sé, ed io vedo il settore da artista, la vedo più come strumento e canale diverso per vendere le mie opere fisiche e digitali.

 

Ci puoi raccontare quale blockchain hai scelto per iniziare?

Adesso sto usando OpenSea, sfruttando la blockchain di Polygon (MATIC) e Crypto.com, anche perché ho iniziato da poco, poco più di un mese.

 

Con le opere NFT gli artisti accettano in automatico di essere pagati in crypto, ma nel tuo caso rimani in crypto oppure converti in fiat e se si perché?

Per adesso devo vedere come organizzare con la conversione, ma penso che dividerò tra fiat e crypto.

 

NFT bolla sì o bolla no, quale è la tua visione in merito?

Sicuramente questo mondo parellelo continuerà a crescere, in quanto in molti vedono i profitti di questo settore e molti si sono avvicinati, anche io mi sono avvicinato a questo mondo per sfruttare questa opportunità.
Ho iniziato soprattutto perché mi hanno scritto tante persone per produrre qualche NFT e quindi con questa spinta, grazie all’aiuto di un mio conoscente abile nei computer, sono riuscito a creare la mia collezione.

 

Leggi:  Ecco come NON perdere soldi con gli NFT

Parliamo di costi, quale criterio utilizzi per dare un prezzo alle tue opere, ti confronti con qualche esperto per avere consigli?

Per il prezzo non mi affido ad esperti, ed ho guardato un po’ il mercato anche se è difficile comprendere quei prezzi (ndr ricordiamo l’applicazione NFT Estimator per valutare gli NFT sotto il profilo ambientale), ma comunque ho fissato un prezzo leggermente inferiore al prezzo delle mie opere, in quanto non mi piace svendere le mie opere.

 

Riguardo la sicurezza come gestisce le tue crypto, utilizzi accorgimenti particolari per proteggere gli asset oppure ti affidi alla custodia degli exchange?

Purtroppo no, ho tutto sul mio iPad, ed uso la stessa password per tutto, anche se so che questo sistema non è il massimo.
Consiglio: è sempre bene avere un backup dei propri wallet e delle relative chiave private, il cosiddetto paper wallet.

 

Leggi:  Cryptopuppets, Lapo Fatai irrompe nel Metaverso

Nella tua realtà sociale, come viene vista la tua attività e l’uso delle crypto, ci sono realtà in cui utilizzare le crypto?

Per i miei familiari è qualcosa di nuovo, e molto strano e quando avevo comunicato la mia decisione, loro non capivano la mia scelta, e comunque dal mio punto di vista ci sono degli NFT “strani” ed associati a criminalità come il riciclaggio di denaro.

 

Copyright, privacy e tasse, come gestisci le varie problematiche legate a questo settore e che approccio utilizzi per inquadrare la tua attività?

Ho iniziato anche questi NFT per certificare le mie opere in quanto la blockchain garantisce quel minimo che un pezzo di carta difficilmente fornisce gli stessi vantaggi.

 

Progetti futuri?

Oltre alle mostre, continuerò con “Tutta un’altra storia” in quanto ho diversi pezzi da completare, poi ho un altro progetto dedicato alla Coca Cola.

 

Qui l’intera intervista realizzata da Alfredo de Candia:

 

Concludiamo con la pagina degli NFT dell’artista:

OpenSea
Crypto.com

Alfredo è un Senior Android developer e blockchian specialist, nonchè autore dei più importanti libri a tema crypto e blockchain, come Mastering EOS, Mastering DeFi e Mastering NFT