Il vero significato dei personaggi del presepe - turboNews
Vai al contenuto
Home » Il vero significato dei personaggi del presepe

Il vero significato dei personaggi del presepe

0

Ormai il Natale si avvicina ed uno dei simboli natalizi più rappresentativi del Natale cristiano è proprio la rappresentazione del presepe. Ma tutti quanti conoscono il vero significato di tutti gli emblemi e di tutte le statuine del presepe?

In questo articolo è accennata brevemente la storia del presepe tradizionale con tutti i suoi relativi aneddoti e curiosità. Saranno inoltre elencati i personaggi più importanti del presepe cristiano e il significato religioso di ciascuno di essi.

 

La storia del presepe

La prima rappresentazione del presepe fu realizzata nel 1223 a Greccio, un piccolo paesino in provincia di Rieti (Lazio). Ad allestirlo ci pensò San Francesco d’Assisi che ottenne il consenso della celebrazione solo dopo aver chiesto ripetute volte il permesso a Papa Onorio III.

Inizialmente quella di Francesco d’Assisi voleva essere soltanto una umile celebrazione della Natività, ma tutti gli abitanti del villaggio furono così entusiasti che accorsero numerosi e presero parte al presepe senza esitazione. Oggi il presepe di Greccio è considerato il primo presepe vivente della storia.

Leggi:  Iran: primo paese ad accettare i Bitcoin come mezzo di scambio

Ma la tradizione delle statuine inizia qualche dopo (nel 1283) grazie ad uno scultore statunitense, Arnolfo di Cambio, che, ispiratosi al presepe vivente di San Francesco, scolpì le statue dei personaggi principali del presepe. Queste statue sono tutt’oggi conservate nella Basilica di Santa Maria Maggiore, a Roma, come una delle opere d’arte natalizie più belle del mondo.

Ora, qualche curiosità sui personaggi principali del presepio ed i loro rispettivi significati religiosi.

 

La Sacra Famiglia

Formata da Maria, Giuseppe e Gesù, la Sacra Famiglia per tutti i cristiani è la rappresentazione di tutti i valori che una famiglia cattolica dovrebbe avere. Umiltà, forza e purezza di spirito, nonostante le condizioni di povertà.

 

L’asinello e il Bue

L’asinello e il bue, religiosamente parlando, simboleggiano le pulsioni e gli istinti di ogni essere umano che devono accompagnare e guidare lo spirito nelle decisioni più difficili. Infatti, nella simbologia del presepio, i due animali riscaldano con il loro alito il bambino Gesù che rappresenta lo spirito.

Leggi:  La tricopigmentazione: cos'è e come funziona

 

I Re Magi

I Re Magi, Gaspare, Melchiorre e Baldassarre, simboleggiano i tre diversi continenti che rappresentavano prima il mappamondo ovvero Asia, Europa e Africa. Inoltre, raffigurano anche le tre fasi dell’età dell’uomo (giovinezza, età adulta e vecchiaia) e le tre fasi del giorno (mattino, pomeriggio e notte).

 

I pastori

I pastori, così come i personaggi della Sacra Famiglia, rappresentano umiltà e povertà. Inoltre, i pastori, sono anche considerati dei protettori in quanto vigilano giorno e notte sui propri gregge di pecore.

 

Il pescatore e la zingara nel presepe napoletano

Sia il pescatore che la zingara sono personaggi secondari del presepe tradizionale, ma vengono considerati personaggi principali nel presepe napoletano, il quale è considerato un punto di riferimento per molte famiglie cattoliche.

Leggi:  Nuovo dpcm: le misure anti Covid per il periodo natalizio

Il pescatore è un omaggio a San Pietro, che veniva infatti chiamato, in seguito alla sua morte il “pescatore di anime”.

La storia della zingara è piuttosto toccante in quanto è la donna che predisse la nascita del bambino Gesù con tutta convinzione che sarebbe stata lei stessa a partorirlo. La zingara viene rappresentata vicino a Maria nel presepio tradizionale per emulare la disperazione di Cristo durante la passione.

Questi sono i personaggi che proprio non possono mancare nel presepe tradizionale, ma ce ne sono anche molti altri pieni anche loro di storia e tradizioni!

Per altre curiosità visita il nostro blog!

Luna Ercoli è nata a Roma il 28/03/1990 e trasferita all'estero all'età di 18 anni per mettermi alla prova. Ho viaggiato e lavorato in molti paesi come bartender fino a quando ho scoperto il copywriting grazie al quale mi mantengo da due anni.