Home » I batteri sono un’alternativa per l’ecologia

I batteri sono un’alternativa per l’ecologia

Al giorno d’oggi si cerca di stare sempre più attenti al tema dell’ecologia.

In Spagna, per la precisione in Andalusia, si è iniziato a fare dei test con batteri che sostituiscano fertilizzanti e pesticidi chimici nelle coltivazioni agricole. Rispettare l’ambiente, infatti, vuol dire anche cercare di portare l’agricoltura verso un’ecologia che sia anche sostenibile. Proprio per questo si stanno sperimentando dei fertilizzanti batterici che possano aiutare le piante senza però danneggiare il suolo.

Non sempre la natura riesce a contrastare se stessa, alcuni insetti risultano nemici delle piante e proprio a causa di questo si tende ad utilizzare dei pesticidi a protezione dei raccolti. Per stare al passo con le richieste di mercato vengono utilizzati i fertilizzanti che permettono di aumentare le produzioni agricole. Questo processo però sta deteriorando lentamente il suolo senza contare che influisce negativamente sull’ambiente circostante oltre che sui prodotti coltivati.

Proprio per questo si tenta di trovare una soluzione che sfrutti il principio di ecologia per proteggere le piante da malattie e insetti ma in modo del tutto sostenibile per l’ambiente.

Leggi:  Applicazione metodi della Service Innovation

Una possibile alternativa possono essere i batteri, che non sempre devono essere associati a sporco e malattie. Pensiamo per esempio a quelli presenti nel nostro intestino, che sono fondamentali per mantenerci in salute.

Lo stesso lavoro può essere svolto da quelli che vivono nel suolo e che possono invece essere di grande aiuto alle piante.

 

Un nuovo approccio per l’ecologia

In un grammo di terreno possono vivere circa un miliardo di batteri, definiti batteri buoni. Quest’ultimi infatti possono aiutare il terreno e le piante sotto molti punti di vista.

Alcuni di essi posso produrre ormoni vegetali che stimolano la crescita delle radici delle piante aiutandole, anche, ad assorbire i nutrienti necessari dal suolo. Altri trasformano, attraverso determinati meccanismi chimico-fisici, elementi fondamentali come per esempio azoto, ferro e fosforo. Che altrimenti non potrebbero essere assorbiti dalle piante nella loro forma originale.

Un’altra tipologia di batteri , invece, funziona proprio da repellente per gli insetti, funghi e altri patogeni o parassiti preservando la salute della pianta con un semplice meccanismo di difesa cento per cento naturale.

Leggi:  Procedura di Brevettazione

La capacità straordinaria di questi batteri sta nel riuscire ad entrare nella pianta per mettersi al riparo da agenti esterni che potrebbero danneggiarli senza però infestare l’organismo ospite. Le attività che stanno svolgendo in questo momento i ricercatori, riguarda l’individuazione di altri ceppi batterici coinvolti nell’interazione con la pianta. Questo potrebbe aiutare a capire i meccanismi di difesa dagli agenti patogeni esterni.

 

Batteri per un’agricoltura economica ma efficacie

I batteri fertilizzanti non solo sono ecologici, questa sperimentazione sta portando dei grandi risultati anche a livello economico, riuscendo ad abbattere i costi dei fertilizzanti e pesticidi chimici, ma diminuisce del 30% anche il consumo di acqua.

In Andalusia e per la precisione nell’università di Siviglia si sta conducendo un studio legato all’uso dei batteri fertilizzanti in alcune coltivazioni di fragole. Le piantine innaffiate con questi fertilizzanti batterici, non crescono come quelle trattate con i classici fertilizzanti; ma producono la stessa quantità di frutti e di grandezza simile.

Leggi:  Covid blocca il risanamento dei conti europei

Dopo il successo ottenuto in serra, i ricercatori stanno cercando di portare il progetto anche in coltivazioni all’aria aperta ma per vedere dei risultati sarà necessario attendere ancora qualche tempo. Gli strumenti biologici per la coltivazione sostenibile sono un dato di fatto e una verità che non può essere tralasciata o trascurata. Soprattutto in un periodo come questo dove la Terra sta cercando aiuto da parte dell’uomo che invece continua ad inquinare.

Se questo articolo ti è sembrato interessante e vuoi conoscere altri aspetti dei batteri in natura puoi andare sul nostro blog e trovare tutte le curiosità che stai cercando.

Veronica Mazzucco è nata a Roma il 12/10/1990. Da sempre appassionata alla lettura e alla scrittura di cui ne ha fatto un vero e proprio lavoro. Nomade digitale dal 2020 in giro per il mondo.