Home » Huawei torna in Italia con Nova9

Huawei torna in Italia con Nova9

Huawei è tornata, peccato che le app Google ancora non sono presenti sul nuovo smartphone della casa passata alla storia proprio per la sua scissione da Google. Ebbene la novità del mercato oggi, sembra essere proprio questa: Huawei Consumer Business Group ritorna in Italia con un nuovo prodotto.

Ancora con il sistema operativo Android, non con l’HarmonyOS sistema appositamente studiato, molto più recente e a detta di molti anche funzionale.

Allora andiamo a conoscere questo nuovo prodotto del colosso cinese.

Huawei

 

Nove9: la novità Huawei

Huawei ha deciso di invadere nuovamente il mercato Italiano, come al solito lo fa in grande stile, con un prodotto di altissima qualità il nuovo Nova9, uno smartphone che promette prestazioni similari ai prodotti di alta qualità che la casa cinese ha immesso sul mercato negli anni passati.

L’azienda è da qualche anno nella blacklist del Governo Usa, una storia che risale ai tempi di Trump come presidente, ma questo non l’ha certo scoraggiata, anzi piuttosto spinta a trovare nuove soluzioni.

Leggi:  Elezioni USA potrebbero riformare i mercati finanziari

Ci si aspettava che i nuovi prodotti firmati Huawei avessero come sistema operati HarmonyOS, invece si continua con il sistema operativo Android. La scelta è dovuta alla voglia di non scoraggiare ulteriormente il mercato, già notevolmente segnato dalla guerra commerciale che in tempi non sospetti ha danneggiato le vendite Huawei.

Queste le parole di Pier Giorgio Furcas, Deputy General Manager Huawei Consumer Business Groupcome: ”Solo in Italia contiamo 10 milioni di persone che utilizzano i nostri smartphone. Con Nova9, miriamo a mantenere costante questo percorso che dimostra come la nostra innovazione risponda ai desideri e alle esigenze delle persone”.

Insomma la crisi degli ultimi due anni non ha di certo scoraggiato Huawei che con Nova9 vuole riconquistare i sui acquirenti.

 

Nova9 le novità

Il nuovissimo Nova9 debutterà in Italia con una serie di novità. Innanzitutto gli amanti del mondo social saranno contenti di sapere che si tratta di un camera phone, in perfetta linea con quelli che sono gli standard della casa cinese.

Leggi:  È tempo di Black Friday 2021

4 fotocamere con sensore principale da 50 megapixel, tra cui il RYYB colour filter array (CFA) e l’XD Fusion Engine. Completano il comparto fotografico un grandangolare da 8 Mp, un sensore da 2 Mp l (f/2.2) di profondità con effetto Bokeh e un’altra 2 Mpixel (f/2.4) con macro.

Anche questa volta il display è curvo, alla faccia di chi dice che sia passato di moda. La grandezza è di 6,57 pollici e con frequenza di aggiornamento a 120 Hz.

Il processore è uno Snapdragon 778G e c’è il supporto alla ricarica veloce a 66 W SuperCharge. Il chip è completato da un sistema di raffreddamento, che combina VC Liquid Cooling e grafene per una dissipazione del calore durante le attività più dispendiose di energia.

Leggi:  Come si smaltiscono i rifiuti elettronici: 1 compito difficile

 

E le app?

Da quando Huawei è caduta nella trappola della blacklist degli Stati Uniti le app sono sempre il nodo cruciale dei nuovi dispositivi. Innanzitutto per quel che riguarda il sistema operativo c’è una versione personalizzata di Android, la EMUI 11, ancora priva delle app di Google e di tutte quelle che utilizzano i servizi del colosso americano per funzionare.

Ma i più smanettoni sanno bene che questo non vuol certo dire che non si possano utilizzare le app. Invece del PlayStore di ha l’AppGallery di Huawei. Di recente questa funzionalità è stata in grado di raggiungere dei grandi risultati con 560 milioni di utenti attivi mensili, supportati da 5,1 milioni di sviluppatori e partner registrati.

Costanza Esposito Langella nata il 24 Settembre 1990 e copywriter dal 2019, in passato molti lavori a contatto con il pubblico e molta passione per la scrittura.